Sccegli la piattaforma e compra
Prova un mese gratuito di carica con 10 licenze.
Per cos é l' account?
Registrati
loading

Facendo clic su Iscriviti o usando CogniFit, dichiari di aver letto, compreso e accettato i Termini di CogniFit & le Condizioni di Politica di Privacy

Esercizi cerebrali per allenare la mente

Il nostro cervello, sempre presente, sempre in ascolto, sempre a imparare, obbedendo ad ogni nostro comando, a risolve ogni nostro problema, partecipando alle nostre emozioni e desideri, ricordando le nostre gioie e dolori, il nostro cervello, é il nostro migliore amico. Eppure, condizioni ambientali quali l'aumento dello stress, depressione, droga e abuso di sostanze o condizioni neurologiche come difficoltá di apprendimento, sclerosi multipla e il morbo di Alzheimer, nonché condizioni di sviluppo come l'invecchiamento, possono compromettere la capacitá del cervello di partecipare, ragionare, imparare o ricordare. Nonostante le nostre tecnologie avanzate e l'aumento dei livelli d' istruzione, si osserva ogni giorno di piú, in tutte le etá un deterioramento cognitivo e il calo dei livelli delle funzione cognitive, fenomeno che puó essere il risultato, non solo di sviluppo o di menomazioni neurologiche, ma anche di abuso di droghe e farmaci, di obesitá e di mancanza di attivitá aerobica. Perché il declino cognitivo influisce sulle prestazioni quotidiane, tra cui produttivitá a casa, a scuola e al lavoro. I ricercatori stanno tentando di preservare o migliorare la funzionalitá cognitiva utilizzando approcci di arricchimento che intensifichino l'esperienza di apprendimento. Sono supportati in questo sforzo da abbondanti prove scientifiche sul potenziale di plasticità neurale e cognitiva del cervello . Una forma di arricchimento é l'allenamento cognitiva, o come viene talvolta chiamato Brain Training. Il Brain Training, l'allenamento sistematico delle capacitá cognitive, mira a conservare, migliorare o sviluppare le capacitá cognitive come la memoria, il controllo esecutivo, il coordinamento. L'sercizio fisico sviluppa la forza muscolare e la flessibilità. A seconda delle condizioni, l'allenamento del cervello puó essere applicato isolatamente o in combinazione con farmaci.

La letteratura sull'allenamento cognitivo raccomanda che, per essere piú efficace, tale allenamento dovrebbe essere dotato di una solida base scientifica teorica. Processi di addestramento dovrebbero essere saldamente radicati nella teoria scientifica di sviluppo cognitivo umano per tutta la sua durata. Ad esempio, un programma di allenamento del cervello per gli anziani dovrebbe prendere in considerazione la velocitá di elaborazione della teoria che prevede un rallentamento con l'avanzare dell'etá e la teoria del controllo esecutivo che rivendica un declino nelle abilitá quali l'attenzione, l'inibizione, e la memoria di lavoro.

Esercizi cerebrali per allenare la mente

Un secondo requisito previsto dai ricercatori é che in un programma di allenamento cognitivo é necessario utilizzare un approccio personalizzato per l'apprendimento, produrre un sistema di allenamento adattabile all'individuo. Gli studi che hanno usato un sistema di allenamento di questo tipo dimostrano che, quando viene utilizzato un sistema operativo adattabile onell'allenamento, la funzione cognitiva potrebbe essere notevolmente migliorata. La ricerca indica che per migliorare le prestazioni e massimizzare l'allenamento bisogna indurre all'apprendimento il tirocinante, tale apprendimento che deve essere tempestivo, facilmente comprensibile e applicabile alle prestazioni in corso sul compito a portata di mano.

Un importante obiettivo dell'allenamento cognitivo é quello di consentire una maggiore facilitá nello svolgimento delle reali attivitá come la guida, la regolazione delle finanze, la gestione e il mantenimento di assunzione di farmaci, l' interazione sociale. Poiché un grande numero di processi cognitivi funzionano correttamente quando si eseguono compiti nel mondo reale. I ricercatori hanno postulato una terza richiesta, vale a dire la progettazione ed interventi multi-dominio che integrano diversi processi cognitivi e non sono limitati ad un singolo processo (per esempio, la memoria o la velocitá di elaborazione).

Quando questi tre requisiti principali sono stati applicati rigorosamente nello sviluppo di un programma di allenamento del cervello scientificamente validato, popolazioni molto diverse trarranno grandi benefici. Il programma di allenamento del cervello ha migliorato le capacitá cognitive in individui anziani sani. Ha migliorato la memoria, l'attenzione e la velocitá di elaborazione in individui con scelrosi multipla. E 'migliorata la velocitá di lettura e la comprensione della lettura in soggetti con disabilitá di lettura (dislessia) l'andatura e la mobilitá nei soggetti a rischio di cadute sono migliorate.

La scienza dell'allenamento del cervello é un appassionante viaggio nella scoperta intensiva e nel dibattito. Utilizzando la tecnologia, sempre piú sofisticata e crescenti conoscenze interdisciplinari, stiamo esplorando le migliori condizioni e le circostanze per la conservazione a lungo termine della nostra salute mentale. In questo viaggio si osserva l'allenamento in relazione all' attivitá cerebrale a livello cellulare e macro-cellulare. Esploriamo la neurogenesi (la creazione nuove cellule del cervello) dopo l'allenamento cognitivo. Osserviamo come la compensazione di meccanismi neuronali (regioni intatte nel cervello imparino a svolgere le funzioni supportate da regioni cerebrali deteriorate) si sviluppino dopo l'allenamento del cervello. Oggi sappiamo che l'allenamento cognitivo é favorevole a piú alti livelli di riserva cognitiva, il sapere accumulato e l'esperienza di un cervello attivo; é un potente fattore protettivo contro il declino cognitivo. In futuro abbiamo deciso di ampliare tali conoscenze e indirizzarci su di aree del cervello e su condizioni neurologiche sempre piú specifiche.

Ma in futuro della ricerca sull'allenamento cerebrale affronterá altre questioni importanti per l'umanitá. Ci chiediamo se il cervello umano puó essere addestrato, non solo per preservare e promuovere la funzione cognitiva, ma la resilienza emotiva e sociale. Viene chiesto se il cervello puó essere allenato a distinguere tra il bene e il male, trala tranquillitá e la violenza, la giustizia e l' ngiustizia. Ci si chiede se il cervello puó essere addestrato per piacere o non piacere, d'accordo o no. I dibattiti sull' allenamento del cervello possa influenzare in materia di istruzione, di filosofia di etica entreranno nel sistema scolastico e si rivolgeranno non solo a chi ha una salute mentale ottimale, ma anche l'assimilazione di valori morali e sociali.

Inserisci il tuo indirizzo email