Sccegli la piattaforma e compra
Prova un mese gratuito di carica con 10 licenze.
Per cos é l' account?
Registrati
loading

Facendo clic su Iscriviti o usando CogniFit, dichiari di aver letto, compreso e accettato i Termini di CogniFit & le Condizioni di Politica di Privacy

corporativelanding_FuncionesCerebrales_social_picture
  • Accedi agli esercizi clinici. Esplora le funzioni cerebrali fondamentali

  • Stimola e aiuta apotenziare le tue funzioni cerebrali

  • Aiuta a migliorare la vostra vitalità cognitiva e le abilità quotidiane provarlo gratuitamente!

loading

Qual é la funzione del cervello?

Potremmo dire che la funzione del cervello, come parte del Sistema Nervoso Centrale (SNC), è quella di regolare la maggior parte delle funzioni del corpo e della mente. Questo include tutto da funzioni vitali come la respirazione o la frequenza cardiaca, a funzioni più basilari come il sonno, la fame o istinto sessuale, per funzioni superiori come il pensiero, ricordando o parlare.

Nelle parti del cervello si analizza come le funzioni vitali di base sono misurati dalle strutture cerebrali più vecchie, cioè quelle situate nella romboencefalo (midollo, ponte, cervelletto) e mesencefalo. Funzioni cerebrali Invece superiori come ragionamento, memoria, attenzione sono controllati dai emisferi cerebrali e lobi che fanno parte della corteccia.

Quali sono le funzioni cognitive?

Le funzioni cognitive sono processi mentali che ci permettono di ricevere, selezionare, memorizzare, elaborare, di processo e recuperare le informazioni dall'ambiente. Questo ci permette di capire e relazionarsi con il mondo che ci circonda.

Nel corso di un solo giorno, usiamo nostre funzioni cerebrali continuo. Volete preparare una buona colazione? Si vuole leggere un libro? Si guida? Si dispone di un discorso di incoraggiamento con i tuoi amici? Tutte le nostre attività richiedono milioni di connessioni e calcoli mentali complessi tra le diverse parti del cervello per sviluppare noi stessi correttamente con il mondo che ci circonda.

Quali sono le funzioni cognitive?

Molte volte quando si parla di funzioni cognitive superiori ci riferiamo capacità cognitive di cui abbiamo bisogno per capire e interagire con il mondo. Anche se a volte studiato come entità separate, dobbiamo prendere in considerazione le funzioni cognitive sono correlati e talvolta si sovrappongono. Vediamo quali sono le principali funzioni cognitive sono:

ATTENZIONE: L'attenzione è un processo mentale molto complesso che non può essere ridotto ad una semplice definizione, una particolare struttura anatomica e che non può essere valutato come un singolo test comprende diversi processi diversi. Per semplificare possiamo dire che l'attenzione è la funzione cognitiva che scegliere tra gli stimoli che arrivano contemporaneamente al cervello, sia esterno (odori, suoni, immagini ...) e interni (pensieri, emozioni ...), che sono utili a noi e adeguata per un motore o attività mentale. In fondo, si tratta di una serie di processi che variano in complessità e ci permettono di fare altre funzioni cognitive in modo corretto. Per semplicità si parla di diversi tipi di cura a seconda della loro complessità maggiore o minore:

ATTENZIONE FOCALIZZATA: Si tratta di stare in allerta. La capacità di rispondere ad uno stimolo.

ATTENZIONE SOSTENUTA: È la capacità di mantenere l'attenzione su un periodo di tempo di almeno 3 min. E 'più comunemente chiamata "concentrazione". Quando leggiamo un libro siamo concentrati.

ATTENZIONE SELETTIVA:E 'la capacità che ci permette di tenere sotto controllo un compito inibizione distrazioni ambientali come il rumore di fondo. Continuando l'esempio precedente, l'attenzione selettiva ci permette di leggere il libro, anche quando si sta ascoltando musica o iniziare a far girare la lavatrice.

ATTENZIONE ALTERNATA:È la flessibilità mentale che ci permette di cambiare la nostra attenzione da un compito all'altro senza problemi. Per esempio, quando stiamo leggendo e suona una canzone che ci piace, si può smettere di leggere e per un attimo abbiamo messo a cantare o ascoltare quella canzone, ma presto si può tornare alla lettura dove abbiamo lasciato.

ATTENZIONE CONDIVISA:È la capacità di rispondere a più task contemporaneamente, cioè, affrontare due cose contemporaneamente. Ad esempio, quando si parla di un amico in un bar mentre abbiamo scritto una WhatsApp ad un altro, o quando si parla al telefono (vedere la TV, ascoltare musica ...) mentre cuciniamo

Non esiste un'unica struttura anatomica che è responsabile per l'attenzione, ma ci sono diversi circuiti che sono coinvolti in questi processi. Di solito si parla di tre sistemi di attenzione:

Sistema reticolare o di eccitazioneÈ il livello di stato o base di coscienza che ottimizza l'elaborazione degli stimoli sensoriali raggiungono la corteccia cerebrale. Consiste del sistema reticolare, il talamo, il sistema limbico, gangli basali e corteccia frontale.

Sistema di attenzione posteriore:Quello che permette l'orientamento e la posizione di stimoli, soprattutto visiva. E 'coinvolto nella percezione, l'attenzione visuo-spaziale, la nuova elaborazione dati ... Le strutture principali sono legati corteccia parietale posteriore, pulvinar laterali, l'ippocampo e del cingolo anteriore.

Sistema di attenzione anteriore:È quello che consente di indirizzare l'attenzione all'azione. Regola e controlla le aree che permettono di compiti cognitivi complessi. Questo sistema fa parte della corteccia cingolata anteriore, la corteccia prefrontale dorsolaterale, orbitofrontale, il neostriato, l'area motoria supplementare e l'area tegmentale ventrale.

MEMORIA: La memoria è un processo molto complesso che consente la codifica, memorizzazione e il recupero di informazioni. Così possiamo fare tutte queste cose, abbiamo bisogno del sistema attenzionale per funzionare correttamente. Se non si presta attenzione a qualcosa, non siamo in grado di codificare e molto meno per memorizzare e recuperare tutte queste informazioni. Per comprendere la memoria possiamo classificare in base a due criteri:

1- CRITERIO TEMPORALE:

Memoria a breve termine:

- Memoria immediata

- Memoria Operativa o di Lavoro:Sistema di immagazinamento passivo a breve termine che ci permette di lavorare con le informazioni. Per esempio quando proviamo a ricordare un numero telefonico prima di scriverlo su un foglio.

Memoria a Lungo Termine

2 -DOMINI SU CUI OPERA LA MEMORIA:

Memoria dichiarativa (esplicita):fa riferimento ai ricordi che si possono evocare in modo cosciente

- Episodica: la memoria autobiografica, che ci permette di ricordare le cose dal nostro passato. Per esempio, dove sono andato in vacanza l'anno scorso? Quando ho finito di studiare? Quando mi sono sposata?

- Semantica: Questa specifica si riferisce a ciò che abbiamo appreso e la nostra conoscenza generale del mondo qual è la capitale della Francia? Che cosa è una radice quadrata?

In questo tipo di memoria sono strutture coinvolte lobo temporale mediale e diencefalo

Memoria Non dichiarativa o implicita:Si riferisce ai ricordi inconsci, e anche alcune abilità o competenze come andare in bici o pattinare. Intervengono strutture della neocorteccia, striato, amigdala (quando coinvolge le emozioni) percorsi e cervelletto, e di riflesso.

Come se ciò non bastasse tutta questa complessità, dobbiamo tenere a mente che, per esempio, aree di stoccaggio risiedono nei lobi temporali, ma i componenti più strategici sono più legati ai lobi frontali.

FUNZIONI ESECUTIVE: Le Funzioni esecutive sono funzioni cognitive superiori. Anche se ci sono diverse definizioni di funzione esecutiva, quasi tutti riferimento al controllo della cognizione e la regolazione di pensieri e comportamenti attraverso diversi processi correlati. Esso comprende una serie di competenze complesse, quali la gestione attenzione, pianificazione, programmazione, regolazione e la verifica dei comportamenti intenzionali. Si trovano nel lobo frontale del cervello. Secondo Lezack, queste funzioni possono essere raggruppate in un numero di componenti:

1- Formulazione di obiettivi:

-Motivazione

- Coscenza di sé stessi

- Modo di percepire le nostre relazioni con il mondo

2 -Pianificazione di tappe e strategie per raggiungere obiettivi:

- Capacità di astrazione

- Flessibilità cognitiva, cioè, la capacità di avere pensieri alternativi

- Capacità di valutare tra le diverse possibilità e scegliere uno di loro di comportamento diretta

3-Abilità conivolte nell'esecuzione condotta:

- Capacità di avviare, mantenere e comportamenti di sequenziamento modo ordinato e integrato.

4- Atteggiamenti per eseguire comportamenti o attività in modo efficace:

- Controllo del tempo

- Uso del feedback

- Autoregolazione del comportamento.

Nella nostra vita quotidiana ci usarli costantemente, per esempio quando si va in vacanza e dobbiamo pianificare il viaggio: la scelta della destinazione di vacanza, che ora che abbiamo e quello che possiamo fare in questo momento? Qual è il percorso che più ci riguarda? Cosa trasporto usiamo per spostarsi da un luogo ad un altro? Quando si cucina anche iniziamo le nostre competenze esecutive per raggiungere: dalla selezione di cibo e utensili che usiamo per rendere il cibo, a dover ospitare più pentole o padelle in una sola volta, calcolare i tempi di cottura, seguire i passaggi della ricetta in ordine e correttamente ... per esempio, se facciamo una frittata, prima dobbiamo battere le uova, la buccia e tagliate le patate.

LINGUAGGIO: Il linguaggio è un sistema di comunicazione simbolica manifesta, nel caso degli esseri umani, attraverso le lingue. La lingua è importante non solo per comunicare con gli altri, ma anche la struttura interna il nostro pensiero. Elaborazione del linguaggio in diverse aree del cervello coinvolte agendo in maniera integrata attraverso vari sistemi funzionali che coinvolgono soprattutto l'emisfero sinistro. Potremmo parlare 2 aree corticali che sono responsabili per la voce e la ricezione di lingua, soprattutto nell'emisfero cerebrale sinistro:

1- AREA DI ESPRESSIONE DEL LINGUAGGIO: Include diverse aree della corteccia cerebrale

- Area pre-frontale: coinvolta nei processi motivazionali del linguaggio. E 'dove inizia la comunicazione, sia verbale che scritta (in relazione alle funzioni esecutive)

- Area de Brocca:situato nel lobo frontale sinistro è legato alla produzione e lavorazione del linguaggio parlato.

- Corteccia motoria primaria:Inizia i movimenti bucofonatori per pronunciare le parole e i movimenti che guidano la scrittura.

2- AREA DI RICEZIONE DEL LINGUAGGIO: Include:

- Lobo Occipitale:Permette l'identificazione di immagini linguistiche.

- Lobo parietale:responsabile di integrare gli stimoli visivi e uditivi.

- Lobo temporale sinistro:Responsabile dei processi di sintesi dei suoni del parlato e della comprensione. Integrada da:L'Area de Helsch(areauditiva primaria. Riceve li suoni per codificarli nell'area multimodal) e l' Area de Wernicke (relazionata con la comprensione del linguaggio. da il significato ai suoni percepiti.)

Ma non sono solo necessarie aree corticali, ma per il corretto funzionamento del linguaggio l'interconnessione di queste aree con altre strutture sottocorticali, come il fascicolo arcuato (che collega l'area di Broca con Wernicke), talamo (importante il bisogno regolamentazione del linguaggio e di collegamento con le aree complete espressive), pulvinar e genicolato, gangli basali e del cervelletto (coinvolti nella conoscenza della lingua e ritmo e il tono del discorso), ecc ...

FUNZIONI VISOPERCETTIVE Y VISOSPACIALI:Le funzioni visopercettivesono quelle che ci permettono di riconoscere e discriminare gli stimoli. Ci aiutano a interpretare, attributi e associare quello che vediamo categorie familiari e integrarlo nella nostra conoscenza. Il corretto funzionamento di queste funzioni ci permette, per esempio, riconosciamo i volti di familiari e amici, o se un oggetto è un pettine, chiavi o un cappello.

Funzioni visospaziali sono utilizzate per analizzare, comprendere e gestire lo spazio in cui viviamo (o due o tre dimensioni). Queste funzioni includono processi mentali come la navigazione, la distanza e la percezione della profondità, la costruzione visuospatial, rotazione mentale. Operazioni come la lettura di una mappa o ci guida attraverso la città, ma anche altre cose come indovinare fino a che punto la macchina è quello di decidere se o non attraversare in rosso, e camminare senza di noi colpire con le cose che sono nel nostro cammino.

Se per il linguaggio l'emisfero dominante è il sinistro, per le funzioni che coinvolgono la percezione emisfero dominante è il destro. L'analisi spaziale, riconoscimento del volto, le mappe o di oggetti, elaborazione musicale, sensazioni somestetico, la mimica e gesti facciali, e le attività motorie che non richiedono il controllo verbale sono prevalentemente regolata dalle lobi occipitali e parietali dell'emisfero destro e collegamenti con il resto del cervello.

Quali sono le funzioni cognitive?

Perché utiliziamo le funzioni cerebrali?

Nel corso di un solo giorno, usiamo le nostre funzioni cerebrali continuamente, migliaia di attività fisiche che richiedono milioni di complessi calcoli mentali di diversa parti del cervello . Ecco alcuni esempi di come si combinano la vostra vita quotidiana in molti modi diversi tue capacità cognitive e le funzioni cerebrali:

Riferimenti: Preiss M, Shatil E, Cermakova R, Cimermannova D, Flesher I (2013), el Entrenamiento Cognitivo Personalizado en el Trastorno Unipolar y Bipolar: un estudio del funcionamiento cognitivo. Frontiers in Human Neuroscience doi: 10.3389/fnhum.2013.00108. • Haimov I, Shatil E (2013) Cognitive Training Improves Sleep Quality and Cognitive Function among Older Adults with Insomnia. PLoS ONE 8(4): e61390. doi:10.1371/journal.pone.0061390 • Shatil E (2013). ¿El entrenamiento cognitivo y la actividad física combinados mejoran las capacidades cognitivas más que cada uno por separado? Un ensayo controlado de cuatro condiciones aleatorias entre adultos sanos. Front. Aging Neurosci. 5:8. doi: 10.3389/fnagi.2013.00008 • Peretz C, AD Korczyn, E Shatil, V Aharonson, Birnboim S, N. Giladi - Basado en un Programa Informático, Entrenamiento Cognitivo Personalizado versus Juegos de Ordenador Clásicos: Un Estudio Aleatorizado, Doble Ciego, Prospectivo de la Estimulación Cognitiva - Neuroepidemiología 2011; 36:91-9. • Shatil E, A Metzer, Horvitz O, Miller R. - Basado en el entrenamiento personalizado cognitivo en el hogar de pacientes con EM: Un estudio de la adherencia y el rendimiento cognitivo - Neurorehabilitación 2010; 26:143-53. • Korczyn dC, Peretz C, Aharonson V, et al. - El programa informático de entrenamiento cognitivo CogniFit produce una mejora mayor en el rendimiento cognitivo que los clásicos juegos de ordenador: Estudio prospectivo, aleatorizado, doble ciego de intervención en los ancianos. Alzheimer y Demencia: El diario de la Asociación de Alzheimer de 2007, tres (3): S171. • Shatil E, Korczyn dC, Peretzc C, et al. - Mejorar el rendimiento cognitivo en pacientes ancianos con entrenamiento cognitivo computarizado - El Alzheimer y a Demencia: El diario de la Asociación de Alzheimer de 2008, cuatro (4): T492. • Verghese J, J Mahoney, Ambrosio AF, Wang C, Holtzer R. - Efecto de la rehabilitación cognitiva en la marcha en personas mayores sedentarias - J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 2010 Dec;65(12):1338-43. • Horowitz-T Kraus, Breznitz Z. - ¿Puede el mecanismo de detección de errores beneficiarse del entrenamiento de la memoria de trabajo? Una comparación entre los disléxicos y los sujetos de control - un estudio de ERP - PLoS ONE 2009; 4:7141. • Haimov I, E Hanuka, Y. Horowitz - El insomnio crónico y el funcionamiento cognitivo entre los ancianos - Medicina del comportamiento del sueño 2008; 6:32-54 • Thompson HJ, Demiris G, Rue T, Shatil E, Wilamowska K, Zaslavsky O, Reeder B. - Telemedicine Journal and E-health Date and Volume: 2011 Dec;17(10):794-800. Epub 2011 Oct 19.

Inserisci il tuo indirizzo email