Sccegli la piattaforma e compra
Prova un mese gratuito di carica con 10 licenze.
Per cos é l' account?
Registrati

Per uso personale (a partire dai 13 anni)

loading

Facendo clic su Iscriviti o usando CogniFit, dichiari di aver letto, compreso e accettato i Termini di CogniFit & le Condizioni di Politica di Privacy

corporativelanding_Percepcion_social_picture
  • Accedi a questa batteria di valutazione cognitiva per valutare la percezione

  • Identifica e valuta la presenza di alterazioni o deficit.

  • Strumenti validi per migliorare o riabilitare la percezione e altre funzioni cognitive

loading

Cos é la percezione?

La percezione può essere definit ecome la capacità di catturare, elaborare e rdare un senso alle informazioni che raggiungono i nostri sensi. Cioè, la percezione è il processo cognitivo che ci permette di interpretare il nostro ambiente attraverso gli stimoli che percepiamo attraverso gli organi di senso. Questa capacità cognitiva è di grande importanza perché la usiamo tutti i giorni. Fortunatamente, siamo in grado di migliorare la percezione attraverso l'allenamento cognitivo. Questo perché la percezione è un processo attivo. Noi non siamo passivi, limitati ad una elaborazione ascendente o Bottom-Up (guidata dagli stimoli che arrivano ai nostri stimoli), ma possiamo anche interpretare le informazioni mediante un' elaborazione discendente o Top-Down (abbiamo grandi aspettative che dirigono la nostra percezione)

Tipi di percezione e Neuroanatomia

La percezione è un processo complesso che ci permette di relazionarci con il mondo che ci circonda. Classicamente, la percezione è stata suddivisa in cinque modi:

  • Vista opercezione visiva: Capacità di interpretare le informazioni che la luce dello spettro visibile fa raggiungere i nostri occhi. L'area del cervello responsabile per le fasi fondamentali della percezione visiva è corteccia occipitale (Corteccia visiva primaria V1 e Corteccia visiva secondaria V")
  • Uditopercezione uditiva: Capacità di ricevere e interpretare le informazioni che arrivano alle nostre orecchie da onde di frequenza udibili trasmesse da aria o altri mezzi (suono). L'area del cervello responsabile per i parametri di riferimento di base della percezione uditiva è il lobo temporale (Corteccia uditiva primaria A1 e Corteccia uditiva secondaria A2).
  • Tatto, percezione tattile, somatosensoriale : Capacità di interpretare le informazioni ricevute di pressione e vibrazioni sulla superficie della nostra pelle. L'area del cervello responsabile per le fasi fondamentali della aptico è il lobo parietale (Corteccia somatosensoriale primaria S1 e Corteccia somatosensoriale secondaria S2)
  • Olfatto o percezione olfattiva. Capacità interpretare le informazioni provenienti da sostanze chimiche disciolte in aria (odore). Le aree del cervello responsabili per le fasi fondamentali della percezione olfattiva sono il Bulbo olfattivo (Corteccia olfattiva primaria) e la Corteccia piriforme (Corteccia olfattiva secondario).
  • Gusto o la percezione gustativa: Capacità di interpretare le informazioni di sostanze chimiche disciolte nella saliva (gusto). Le aree del cervello responsabili di fasi fondamentali della percezione gustativa sono le Aree gustative primarie G1 ( Giro inferiore poscentral, ventrale lobo parietale, insula anteriore, opérculo fronto-parietale mediale) e le Aree gustative secondarie G2 (Corteccia orbitofrontale caudolateral e la cortecciacingolata anteriore ).

Altri tipi di percezione

Oltre ai sensi classici, oggi sappiamo che ci sono altri tipi di percezione:

  • Percezione dello spazio: Capacità di essere consapevoli del loro rapporto con l'ambiente nello spazio che ci circonda. Si è associata con la percezione visiva, tattile e cinetica
  • Percezione della forma . Possibilità di estrarre informazioni sui limiti e sull'aspetto di entitá attraverso il contorno e contrasto. Si è associata con la
  • Percezione vestibolare o dell' equilibrio . Capacità di interpretare la forza di gravità, come la posizione relativa della nostra testa rispetto al suolo. Aiuta a mantenere l'equilibrio e controllo della postura. Si è associata con la percezione uditiva
  • Termocessione, ttermorecezione o percezione termica. Capacità di interpretare la temperatura sulla superficie della nostra pelle. Si è associata con il tatto
  • Nocicezione o percezione del dolore . Capacità di interpretare gli stimoli della temperatura troppo alta o troppo bassa, la presenza di sostanze chimiche nocive e stimoli ad alta pressione. Si è associato con il tatto e termocezione.
  • Prurito o percezione del prurito : Capacità di interpretare gli stimoli urticanti sulla superficie dei tessuti del corpo. Si è associata con il tattile
  • La propriocezione . La capacità di interpretare le informazioni dalla posizione e la condizione dei nostri muscoli e tendini del corpo, che ci permette di sapere quale area dello spazio occupa ogni zona del nostro corpo e se abbiamo una posizione o un' altra. Si è associata con la percezione vestibolare e attica
  • Interiocezione, cenestesia o percezione cinestetica :Capacità di interpretare i sentimenti che indicano lo stato dei nostri organi interni
  • Percezione temporanea : Capacità di interpretare i cambiamenti in stimolazione, in modo che possano essere organizzati in tempo
  • Percezione cinestetica o cinestetica Capacità di interpretare le informazioni sul movimento e la velocità nel nostro ambiente e del nostro corpo. Si è associata con il visiva, spaziale, temporale, tattile, interocettiva, propriocettiva e la percezione vestibolare
  • Percezione chemioestésica :Capacità di interpretare i prodotti chimici disciolti nella saliva che codificano sapori forti. Si è associata con la percezione del gusto, ma si differenzia perché utilizza diverse strutture
  • La percezione del campo magnetico o magnetoricezione : La capacità di interpretare le informazioni dai campi magnetici. Questo senso è più sviluppato in alcuni animali, come i piccioni. Tuttavia, si è scoperto che gli esseri umani hanno materiale magnetico nel etmoide (osso del cranio all'altezza del naso), quindi si ipotizza che gli esseri umani possano avere una certa capacità di magnetoricezione.

Fasi della percezione

La percezione non è un processo unitario che viene effettuato spontaneamente, ma si sviluppa in una serie di fasi per la corretta percezione degli stimoli. Ad esempio, per percepire le informazioni visive, non è sufficiente che la luce riflessa da un oggetto stimoli le cellule del recettore nella nostra retina e inviino queste informazioni per le nostre aree visive del cervello (anche se si ha bisogno che questo accada). Dal momento che la percezione è un processo attivo, si deve selezionare, organizzare e interpretare queste informazioni:

  • Selezione : La quantità di stimoli a cui siamo esposti quotidianamente supera la nostra capacità. Per questo motivo, dobbiamo filtrare e scegliere quali informazioni che percepiamo. Questa selezione viene effettuata in base alla nostra attenzione, esperienze, bisogni e le preferenze
  • Organizzazione: Una volta che sappiamo di cosa abbiamo bisogno per percepire, proviamo a raggruppare gli stimoli per avere piú facilitá poi nel dare loro un senso. Nella percezione una sinergia si verifica poiché la percezionedi un insieme percepito non può essere ridotta alle caratteristiche degli stimoli separatamente. Secondo le Leggi della Gestalt, l'organizzazione degli stimoli non è fatta a caso ma segue criteri specifici
  • Prestazioni: Quando abbiamo organizzato gli stimoli selezionati, diamo loro un senso, completando la percezione di essi. Anche in questo caso, l'interpretazione degli stimoli verrà modulata da esperienze e dalle aspettative della persona.

Altri modelli Gestaltici

Altri modelli Gestalgici sottolineano il ruolo dell'individuo nel processo della percezione, segnalando una successione di tre fasi:

  • Fase 1: Formulazione di una ipotesi su ciò che percepiamo. Questo è ciò che guida l'organizzazione e l'interpretazione di selezione stimoli
  • Fase 2: Ingresso delle informazioni sensoriali
  • Fase 3: Contrasto l'ipotesi precedente, con le informazioni sensoriali ricevute.

Esempi di percezione

  • E 'importante rilevare qualsiasi problema percettivo che può avere uno studente. Questo ci permetterà di applicare i mezzi necessari per evitare la perdita di informazioni uditive (ciò che dice l'insegnante) e visive (il testo della lavagna e del libro), principalmente.
  • Una corretta percezione rende più facile ai lavoratori essi svolgere in modo efficace il loro lavoro. Gli artisti sono un chiaro esempio dell'importanza della percezione nel mondo del lavoro, ma qualsiasi lavoro richiederà una maggiore o minore percezione: spazzini, i tassisti, i progettisti, gli agenti di polizia, i cassieri, muratori ...
  • Percepire gli stimoli per stada e suoni della macchina è essenziale per una guida sicura.
  • La percezione ci permette di svilupparci nel nostro ambiente e interagire con esso. Fare la spesa, giocare ai videogiochi, cucinare o ordinare i vestiti ci impongono di usare i nostri sensi.

La Agnosia e altri disturbi associati ai problemi nella percezione

In alcune circostanze, la percezione non può riflettere la realtà, senza implicare wyalche patologia. Questi "errori" nella percezione possono trattarsi di un'illusione o un'allucinazione. L' illusione si riferisce ad un errore di interpretazione di un vero e proprio stimolo esterno, mentre l' allucinazione è una percezione sbagliata senza la presenza di un vero e proprio stimolo esterno. Questi fenomeni possono verificarsi senza patologie, causati da caratteristiche fisiologiche o cognitive del sistema, o stati alterati (consumo di sostanze o sonno), principalmente. Un esempio di illusione, é conosciuto come illusioni ottica (percepire due colori uguali in modo diverso, percepire il movimento in un'immagine statica, ecc). Le allucinazioni più comuni sono le ipnagogiche (quando si è addormentati e si percepisce una forma, un suono o si sente un ticco), le ipnopompiche (gli le stesse sensazionii, ma quando si sta svegli) e quellr derivate ​​da consumo di droghe allucinogene (come l'LSD o funghi allucinogeni, che spesso causano allucinazioni più elaborate). Tuttavia, deliri e allucinazioni possono anche essere patologici , relativi alla schizofrenia, episodi di psicosi , deliri.

La percezione può anche essere alterata da danni agli organi sensoriali (ad esempio, un colpo all'occhio), sulle vie che portano le informazioni sensoriali al cervello (per esempio, un glaucoma ) o nelle aree cerebrali responsabili della percezione (per esempio, una lesione nella corteccia occipitale). Danni a uno qualsiasi di questi tre punti in qualche modo alterano la normale percezione degli stimoli.

Il disturbo più noto di percezione è probabilmente l'Agnosia . Questo disturbo comporta una difficoltà per dirigere e controllare la percezione e il comportamento in generale. Ce ne sono diversi tipi: Agnosia visiva percettiva (si possono vedere le parti di un oggetto, ma c'è l'incapacità di comprendere l'oggetto nel suo complesso) e Agnosia visiva assiciativa (si può capire la oggetto nel suo complesso, ma non può sapere di che l'oggetto si tratta). E' 'difficile comprendere l'esperienza percettiva delle persone con questi disturbi perché, anche se in realtà "vedono" la sensazione che hanno sono ciechi. In aggiunta, ci sono ancora patologie più specifiche come ad esempio l' Achinetopsia (incapacità di vedere il movimento), Cronomatopsia (incapacità di vedere i colori), Prosopagnosia (incapacità di riconoscere volti familiari), Agnosia uditiva (incapacità di riconoscere un oggetto mediante l' udito e, nel caso di informazioni verbali, la persona con agnosia non riconosce il linguaggio in quanto tale), amusia (incapacità di riconoscere o riprodurre toni musicali o ritmi). Questi disturbi sono causati da danni cerebrali, Ictus , Teauma craneoencefalico (TCE) o anche una malattia neurodegenerativa.

Come misurare e valutare la percezione?

Valutare la percezione può essere utile in diversi ambiti della vita: in ambiti accademici (se uno studente avrà bisogno di aiuti supplementari per ottenere tutte le informazioni della classe), ambito clinici (sapere se per un paziente sarà difficile gestirsi nel suo ambiente nel solito modo) o ambiti professionali (se un lavoratore richiede il supporto di sostituzione, perché qualche problema percettivo).

Mediante una completa valutazione neuropsicologica siamo in grado di misurare la percezione in modo efficace ed affidabile e altre abilità cognitive .

I test che utilizza CogniFit per misurare queste abilità cognitive si basano sul test classico di Stroop, test delle variabili di attenzione (TOVA) Prova di memoria Simulazione (TOMM), continuo Performance Test (CPT) Hooper visiva Organizzazione Task (VOT) e test NEPSY (di Korkman, Kirk e Kemp, 1998). Oltre percezione, questi test misurano anche il nome, la memoria contestuale, tempo di risposta, la memoria di lavoro, l'aggiornamento, la memoria visiva, la velocità di elaborazione, attenzione divisa, si è concentrata l'attenzione, coordinazione occhio-mano, la flessibilità cognitiva, l'inibizione e la scansione visiva.

  • Test di identificazione COM-NAM: Verranno presentati oggetti attraverso immagini o suoni. Dovremo dire in quale formato (immagine o suono) l' oggetto è apparso l'ultima volta, o se non sono apparsi in precedenza.
  • Test d' indagine REST-COM: Gli oggetti appaiono per un breve periodo. Quindi è necessario selezionare la parola corretta con le immagini presentate, il più rapidamente possibile.
  • Test di decodifica VIPER-NAM: Le immagini di oggetti appaiono sullo schermo per un breve periodo di tempo e scompaiono. Poi appariranno quattro lettere, e solo una corrisponde con la prima lettera del nome dell'oggetto, che inizia con tale lettera. Bisogna portare a termineil compito nel minor tempo possibile.
  • Test di Programmazione VIPER-PIANO : Si tratta di far uscire una sfera da un labirinto nel minor numero di mosse possibili e il più velocemente possibile
  • Test di Concentrazione VISMEM- PIANO: stimoli posizionati sullo schermo e distribuiti alternativamente apparire. A seguito di un ordine, gli stimoli si illuminano insieme con la comparsa di un suono fino serie completa Durante la presentazione, dovremmo prestare attenzione a entrambi i suoni e le immagini illuminate. A cavallo degli utenti, dobbiamo ricordare l'ordine di presentazione di stimoli in tempo per giocare nello stesso ordine in cui sono stati presentati tempo
  • prova Celerity REST-HECOOR : compare un quadrato blu sullo schermo. Dovremo premere il più velocemente la posizione all'interno del pulsante quadrato possibile. Più volte si preme il pulsante nel tempo a disposizione, i migliori risultati si ottengono.
  • test di riconoscimento WOM-resto . essi appaiono tre oggetti comuni sullo schermo hanno prima di ricordare l'ordine di presentazione . dei tre oggetti il ​​più velocemente possibile in seguito apparire quattro serie di tre diversi oggetti da presentare per rilevare la sequenza di apertura
  • prova Risoluzione Rest-SPER : Essi appaiono in numerosi schermo in movimento stimoli. Dovremo cliccare su stimoli di destinazione il più velocemente possibile, ma evitando cliccando su intrusi stimoli.

Componenti della percezione

Come riabilitare o migliorare la percezione?

Tutte le abilità cognitive, tra cui la percezione, possono essere allenate per migliorare le loro prestazioni. CogniFit offre la possibilità di farlo professionalmente.

La plasticità cerebrale è la base per la riabilitazione della percezione e di altre abilitá cognitive. CogniFit dispone di una batteria di esercizi clinici volti a riabilitare i deficit della percezione e di altre funzioni cognitive. Il cervello e le sue connessioni neurali sono rafforzati dall'uso di funzioni che ne dipendono. Quindi, se si esercita correttamente la percezione, saranno rafforzate le connessioni cerebrali delle strutture coinvolte in questa capacità.

CogniFit è formato da un team di professionisti specializzati nello studio dei processi di plasticità sinaptica e neurogenesi. Questo ha permesso la creazione di un programma di stimolazione cognitiva personalizzato per le esigenze di ogni utente. Questo programma inizia con una valutazione accurata della percezione e di altre funzioni cognitive di base. Sulla base dei risultati della valutazione, il programma di stimolazione cognitiva di CogniFit offre allenamenti cognitivi automatizzati personalizzati per migliorare la percezione e di altre funzioni cognitive che devono essere rafforzate secondo la valutazione.

E 'essenziale effettuare un sllenamento costante e adeguato per migliorare la percezione. CogniFit ha strumenti di valutazione e riabilitazione per ottimizzare queste funzioni cognitive. Per una corretta stimolazione sono necessari 15 minuti al giorno, due o tre giorni alla settimana .

Questo programma è accessibile online . Una varietà di attività interattive, sotto forma di divertimenti giochi mentali, che possono essere fatti da computer. Alla fine di ogni sessione, CogniFit visualizzerá un dettagliato progresso grafico dello stato cognitivo.

References: Evelyn Shatil, Jaroslava Mikulecká, Francesco Bellotti, Vladimir Bures - Televisione Novel-Based Training cognitivo migliora la memoria di lavoro e funzione esecutiva - PLoS ONE 03 luglio 2014. 10.1371 / journal.pone.0101472 Korczyn AD Peretz C, Aharonson V, et al. - Computer Based Training cognitivo con una migliore performance cognitiva CogniFit sopra l'effetto di giochi per computer classici: prospettico,, studio di intervento in doppio cieco randomizzato negli anziani. Alzheimer e demenza: The Journal of dell'Associazione Alzheimer 2007; 3 (3): S171. Peretz C, Korczyn dC, Shatil E, Aharonson V, S Birnboim, Giladi N. - Computer-Based, personalizzata Cognitive formazione rispetto classici Computer Games: A Randomized Trial prospettico in doppio cieco di stimolazione cognitiva - Neuroepidemiologia 2011; 36: 91-9. Korczyn dC, Peretz C, Aharonson V, et al. - Computer Based Training cognitivo con una migliore performance cognitiva CogniFit sopra l'effetto di giochi per computer classici: prospettico,, studio di intervento in doppio cieco randomizzato negli anziani. Alzheimer e demenza: The Journal of dell'Associazione Alzheimer 2007; 3 (3): S171. Shatil E, Korczyn dC, Peretzc C, et al. - Migliorare le prestazioni cognitive in soggetti anziani con formazione cognitivo computerizzato - il morbo di Alzheimer e demenza: The Journal of dell'Associazione Alzheimer 2008; 4 (4): T492. Haimov I, Shatil E (2013) di formazione cognitiva migliora il sonno di qualità e la funzione cognitiva tra gli adulti più anziani con insonnia. PLoS ONE 8 (4): e61390. doi: 10.1371 / journal.pone.0061390 HJ Thompson, Demiris G, Rue T, Shatil E, K Wilamowska, Zaslavsky O, B. Reeder - Telemedicina Journal e E-health e Volume Data: 2011 Dec; 17 (10): 794-800. Epub 2011 Oct 19.

Inserisci il tuo indirizzo email